Un hard disk a prova di hacker

In arrivo sul mercato informatico una nuova tipologia di hard disk la cui finalità non sarà soltanto quella tradizionale di garantire, in poco spazio, l'archiviazione dei dati, ma anche di tutelare la privacy degli utenti.

Gli hard disk in vendita sul mercato sono ormai altamente performanti e in grado di ospitare incredibili quantità di dati. I più capienti, e questo si evince sfogliando le pagine Web dei principali produttori hardware, hanno superato ormai da tempo la soglia del Terabyte (1.000 Gigabyte). Ma lo spazio non è tutto, gli utenti non si accontentano più del banale supporto di archiviazione. Sul mercato, per questo motivo, arriva una nuova tipologia di hardware specificatamente studiata per tutelare la privacy degli utenti.

Si tratta di dischi rigidi a prova di hacker, prodotti e distribuiti dalla “Ensconce Data Technologies”, che si autodistruggono qualora qualcuno cerchi di manometterli. All´interno del drive viene infatti rilasciata una soluzione acida che scioglie i piattelli magnetici vaporizzando ogni dato immagazzinato. Ogni drive potrà essere interfacciato con i software di protezione già presenti nei Pc inoltre, grazie ai potenti telecomandi a radiofrequenza, sarà possibile attivare la funzione "auto-distruzione" a distanza.

Numerosi e interessanti anche gli optional tra i quali è doveroso citare i sensori di movimento, il sistema per il riconoscimento vocale, l’interfaccia di controllo telefonico e il meccanismo di autenticazione biometrico. Insomma, un kit completo degno dell’agente segreto 007. I prezzi, sfortunatamente, sono tuttavia troppo elevati per una diffusione domestica. Le varie versioni, infatti, disponibili in tagli da 20 a 300 Gbyte, avranno un prezzo che oscillerà tra i 2.500 e i 9.000 dollari.

Fonte